lunedì 10 maggio 2010

I CINQUE ANIMALI MARINI PIU' PERICOLOSI

Non lasciatevi ingannare dalle sembianze apparentemente innocue, non si tratterà dei 'classici' squali e alligatori ma sotto il mare si nascondono creature altrettanto pericolose. Ecco i posti dove trovarle..o evitarle.


1. Caravella portoghese o Bluebottle - Oceano Pacifico e Indiano
Sembra una medusa dalla forma strana, composta da una sacca galleggiante di circa 15 cm e da tentacoli lunghi trenta centimetri, ma in realtà la 'Caravella portoghese' è formata da una colonia di polipi. Sui tentacoli sono presenti dieci tipi di veleni diversi, per alcuni dei quali non è stato ancora trovato l'antidoto. Il rischio di incontri ravvicinati con la Caravella è più alto nelle regioni tropicali e sudtropicali anche se l'estate scorsa ne erano state trovate alcune persino nelle acque del Mediterraneo.



2. Riccio fiore - Indopacifico occidentale
Questo riccio di mare è tanto bello quanto letale. Sembra quasi un anemone o un 'bouquet di mare' formato da 'fiorellini' bianchi e rosa, ma è dotato di un veleno che può essere mortale se si viene punti dai suoi aculei. Di solito vive nelle baie e nelle lagune dell'Oceano Indiano occidentale, ma attenzione perchè avvistarlo non è sempre facile, a volte infatti si ricopre con pezzetti di corallo e detriti per mimetizzarsi nel fondale marino.


3. Polpo dagli anelli blu - Barriera corallina australiana
Questo polpo, di una bellezza fuori dal comune grazie agli 'anellini' blu che ne decorano il mantello, ha una caratteristica che lo rende uno degli animali più pericolosi del mondo: il suo morso velenoso può essere letale, provocando la paralisi progressiva della vittima. Anche se è difficile che il polpo attacchi se non infastidito, meglio stare molto attenti se si va a fare una nuotata vicino alla barriera corallina australiana o nelle acque dell'Oceano Pacifico occidentale.

4. Vespa di mare - Australia settentrionale
La più pericolosa delle meduse è lei, la Chironex Fleckeri, meglio conosciuta come 'Vespa di mare'. Veloce e con tentacoli 'velenosi' che arrivano fino a tre metri di lunghezza, può provocare la morte di una persona solamente con una 'carezza'. Pericolosa al punto da aver mietuto in un anno, nelle acque dell'Australia settentrionale, più vittime degli squali bianchi. Anche se esiste un antidoto al suo veleno è sempre meglio fare attenzione quando ci si concede un tuffo nelle acque australiane.


5. Pesce pietra - Mar Rosso e Indo-Pacifico
Le escrescenze che ricoprono il corpo di questo pesce lo fanno sembrare simile a una roccia, cosa che gli permette di mimetizzarsi senza problemi nei fondali marini rocciosi o tra i coralli. La sua arma di difesa 'segreta' è però un veleno letale, che fuoriesce dai suoi aculei quando viene toccato e può portare alla morte se non viene prontamente somministrato l'antidoto.

1 commento:

ferdinando ha detto...

wow, ecco perche non andro mai a nuotare nelle acque australiane, mamma che paura